Pesca all’inglese

Una tecnica di pesca per l’appunto inventata dagli inglesi ed oggi utilizzata sia dai professionisti ma anche da pescatori dilettanti.

La pesca all’inglese viene effettuata con apposite canne da pesca all’inglese che normalmente sono a 3 innesti e di lunghezza che varia dai 2,40 mt fino ai 3,90 mt con un mulinello che puó essere adatto quello per la bolognese.

La pesca all’inglese si differenzia dalla tecnica della bolognese nel galleggiante, il galleggiante per la pesca all’inglese è illustrato nella seguente immagine :

Come si puó notare l’anello per passare il monofilo è posizionato nella parte inferiore del galleggiante, ha una forma piú lunga ed è parzialmente piombato.

I vantaggi della pesca all’inglese

Sono molti i vantaggi, il primo è sicuramente la possibilitá di pescare lontano dalla riva ed avere la possibilitá di immergere il monofilo tra la canna da pesca ed il galleggiante sotto l’acqua, in questo modo il galleggiante non si muoverà in caso di vento forte e non si aggroviglierà la nostra lenza.

Un secondo vantaggio è sicuramente la possibilitá di pescare dando alla lenza profondità molto elevate, piú della lunghezza della canna grazie al galleggiante all’inglese che fá parte dei galleggianti scorrevoli.

Il galleggiante verrá bloccato con il famoso nodo di lana o chicco di riso che ci permetterà di dare per esempio 10 metri di profondità con una canna di 3 metri e mezzo di lunghezza.

Le montature nella pesca all’inglese

Nella pesca all’inglese possiamo montare nel nostro mulinello un monofilo che va da uno 0,14 ad uno0,18 aseconda della grandezza dei pesci che andremo ad insidiare, il galleggiante potrá essere montato o in maniera scorrevole, con il classico nodo di lana oppure bloccato sopra e sotto con dei pallini di piombo piccolissimi.

Per quanto riguarda il finale andremo a mettere i piombini per terminare di piombare il galleggiante, la lunghezza del finale varia sempre a seconda del pesce che stiamo pescando e del luogo di pesca, possiamo utilizzare le stesse regole dei finali utilizzati nelle montature per bolognese.

Questa tecnica è utilizzata sia in mare che in acque interne.

Dove è buono utilizzare la pesca all’inglese

Sicuramente nei fiumi o laghi dove abbiamo una profondità maggiore della lunghezza di una canna da pesca, se per esempio vogliamo pescare a fondo in un lago ma abbiamo subito a pochi metri dalla riva circa 20 metri di profondità.

Possiamo utilizzare questa splendida tecnica per poter pescare, è buona norma utilizzare questa tecnica se abbiamo una giornata con molto vento e vogliamo tenere il filo sotto l’acqua in modo tale che il vento non lo porti in giro per il lago perché in questo modo non riusciremo a pescare nel luogo dove stiamo pasturando.

Se il vento è forte andremo sempre fuori postazione di pesca non avendo grandi risultati.

Invece con la pesca all’inglese ovviamo al problema vento grazie all’attacco del galleggiante dandoci la possibilitá di immergere la punta della canna da pesca sotto l’acqua e recuperando leggermente il filo si immergerà sotto l’acqua ed il galleggiante rimarra nel luogo di pesca senza andare in giro con la corrente del vento ,  in questo modo riuscendo a pescare precisamente nel posto dove stiamo pasturando.